Rive.

23 ottobre 2014 § 16 commenti

Perché non aprire un post in maniera improbabile.

(in effetti non c’è differenza dal solito.)

Mi spiego.

(ché ho molto tempo, la notte è lunga, la mezzanotte è passata da un pezzo, la tisana è da ustione.)

(tre parentesi e non ho ancora iniziato. è un periodo difficile.)

« Leggi il seguito di questo articolo »

Questo è l’inizio.

29 settembre 2014 § 16 commenti

Questo è un diario di viaggio. o una specie.

Ho una fissazione per i diari. per i quaderni, i taccuini, i notebook dai ventimila utilizzi.

ne accumulo tanti e me ne dimentico in continuazione. stilo liste sugli indispensabili, con annesso colore e argomento da trattare. (in tutto ciò, c’è ancora chi riesce a domandarmi perché la mia borsa possieda un peso fisicamente impossibile rispetto alle dimensioni.)

per i diari, quelli di scuola, quelli col lucchetto, quelli di viaggio, il discorso si complica.

sulla carta come in rete ho sempre cercato spazio, illimitato, vuoto, solo mio.

se volessi rispettare tutti i punti per una stesura adeguata ad un diario di viaggio (secondo la mia mente distorta) potrei tranquillamente metterci una croce sopra e infilarmi a letto (sono in preda ai rantoli da raffreddore.)

per cui ho imparato a scrivere disegnare pubblicare senza prendere in considerazione il mio grado di insoddisfazione e il mio metro di giudizio squilibrato. (riesco a rendere anche questo meccanismo potenzialmente positivo un modo per calpestarmi ma. a volte riesco a non distorcerlo. soprattutto se ci tengo a fermare i ricordi, in qualsiasi modo.)

perché sono stata investita da ricordi che non voglio perdere. alcuni sono nuovi, altri li avevo sognati. altri appartengono al passato di altre Persone, in un cerchio senza fine. e sono tra i regali più belli che si possano ricevere.

Fingerò di partire dall’inizio.

« Leggi il seguito di questo articolo »

Dove sono?

Stai esplorando gli archivi per la categoria diari di viaggio su Faul sein ist Wunderschön.