Ventisei.

9 agosto 2013 § 8 commenti

Continuo ossessivamente nella sistemazione del portfolio.

non riesco a smettere finché non raggiungo un punto d’ordine minimo. che domani mi sembrerà già obsoleto. ovvio.

(si è infiltrata l’idea “stai sveglia fino alle 3 e svegliati alle 9”. la seconda parte non riesco ad attuarla, ma soprattutto vorrei sapere da dove cazzo si infiltrano certi messaggi registrati. dev’essere colpa della finestra sul retro che ho lasciato spalancata.)

ho alternato momenti di occhio vitreo on the screen a momenti di immobilità agonizzante sul letto. dopo le dodici ore di sonno ovviamente.

al di là del mio comportamento da calcinculo, sto soffrendo il caldo. sto soccombendo al caldo. gli Ombromini mi si disinchiostreranno tutti di questo passo.

datemi un refolo di vento umido, saprò accontentarmi.

Domani una buona colazione mi aspetta in frigo. e c’è il melone e l’anguria, nuovi nuovi. banane ancora verdine. magari anche una mela rossa?

mi pare di avere più di un buon motivo per limitare la cancrena.

 

Annunci

§ 8 risposte a Ventisei.

  • pani ha detto:

    uff! Alzati, è un ordine!

    • se imposto Pani categorico come sveglia non ho via di scampo.

      • pani ha detto:

        uhm…sono troppo morbido, come il pane

      • *____________________*
        pane al gusto di Pani. vorrei sapere com’è.
        davvero Pani mi lancia in viaggi mentali senza che possa farci nulla.
        (inoltre, nel linguaggio cui accennavo in qualche commento da qualche parte, tutte le parole finiscono con la i o con il ru. salvo rare eccezioni. per dire che se voglio una fetta di pane, dirò che voglio una fetta di pani. questo linguaggio rende la vita quotidiana molto divertente. ma sono solo io a pensarlo perché gli altri si strapperebbero le orecchie *___* tranne mia madre e mio fratello. ma in quel caso le orecchie me le strapperei io. un chiaro esempio di contrappasso.)

      • pani ha detto:

        uh! Mi fai venire in mente che mia suocera,e tutti quelli che provengono dall’Ovest, nel dialetto concludono le parole sempre con la e, ad esempio: “bisogna che te vegne, te vede, te sente”

      • forse più che linguaggio dovrei chiamarlo proprio dialetto.
        o vernacolo, appena riesco a fissarmi la differenza nella memoria.
        (in più devo trovargli un nome ma. sono ancora in alto mare. *_* )

  • comearia ha detto:

    La frutta ci salverà tutte.

    Capisco la sindrome da “No, hanno già fatto tutti, gli altri, sono più innovativi, più geniali, gli altri.” Ma ognuno ha il suo genio. Ognuno. Il fatto è che deve scavalcare la fase de “gli altri” per lasciare libero il tuo.

    Portfolio. E’ una cosa seria. Credi in te.

    • separerò le due cose, come faccio sempre quando non riesco ad eliminarne una. sarà comunque più facile eliminarla se la isolo e non devo districarla da tutto il resto.
      sistemo il protfolio con ossessione e mi concentro su quello.
      poi ritaglio i momenti di osservazione dell’altrui lavoro. pippe mentali annesse. e le relego in un angolo, cercando di limitarle sempre di più. almeno lasciarle lì. almeno non farle espandere.
      e fanculo insomma. guardare i lavori degli altri mi piace così tanto. porta con sé un sacco di cose ma. inutile tagliare fuori il mondo. rimanere in equilibrio!!! guardare senza paragonare. non oltre il necessario insomma. devo intagliarmelo sul pc.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Ventisei. su Faul sein ist Wunderschön.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: