Insisto.

27 marzo 2013 § 36 commenti

And this is a combo.

E non straborderà.

E non straborderà.

la polenta ha prima fagocitato le lenticchie rosse. il pepe nero e la curcuma ormai fanno parte dell’impasto base.

non era affatto sazia. ha preteso la pseudopannavalsoia.

devo terminarla. perché PIC_4880ho comprato una panna all’avena. ho rimesso piede da cuorebio dopo mesi. ero invasata. anche se a vedermi da fuori sarei sembrata più una tossicomane vessata dalle crisi di astinenza.  mi aggiravo tra gli scaffali prendendo scatolette. leggendo etichette. sistemando confezioni. occhi a Quore. trascinando mia madre allo scaffale dove ho visto la luce: L’ALIMENTO DEGLI GNOMI. e io se non faccio piazza pulita delle loro scorte non sarò contenta.

poi c’è il rapporto controverso col banco frigo, quello a sinistra. che per me si riassume in. tofu. perché il resto penso sempre: questo lo comprerò un’altra volta. mò non c’ho ‘na lira. meglio prendere un’altro pacchetto di tofu che ‘nse sa mai.

per dire che dovete ringraziare che non ho messo il tofu nella polenta. perché sono ancora nella fase: non voglio che finisca subito. posso mangiarlo un altro giorno. deve durarmi moltissimo ché chissàquannomericapita. (tra un quarto d’ora mi passa e lo faccio fuori con tutta la plastica.)

morale della favola: dovrei smetterla di esalare idiozie sulle cose che mangio.(ma quanto è perfetto l’abbinamento biancopseudopanna-giallopolentaibrida? quanto eh?)

 

Annunci

Tag:, , , , , , ,

§ 36 risposte a Insisto.

  • da ora in poi lo chiamerò Quorebio. #dovuteprecisazioni

  • comearia ha detto:

    Quorebi[AM]O
    E’ cromaticamente perfetto. Mi sembra di sentirne la consistenza. Questo è IL comfort food.
    E mi piacciono questi mille aggiornamenti quotidiani da parte di kuroko’s place, sìsì.

  • pani ha detto:

    quell’ombromino sembra essere molto furbo e scaltro

  • Wish aka Max ha detto:

    La curcuma è un po’ come il gomasio. “Quando entro in curva troppo veloce sento uno strano rumore. Secondo me è la curcuma del semiasse”.
    Oppure potrebbe essere uno strumento di tortura della Santa Inquisizione. “Essa è una strega!!! Che sia arsa viva! Ma prima sia sottoposta alla curcuma, così che riveli i nomi delle altre assistenti del demonio!!”

  • apity ha detto:

    E non straborderà. Lo avrei incorniciata così questa foto.
    La panna di avena. Mai sentita in vita mia, perchè non amo le panne. (Ultimamente sono in vena di pluralizzare i nomi degli alimenti: pani, nutelle, panne. Fermami.)
    Ma dio, stai facendo crescere in modo spropositato il mio amore per la polenta. Ho brutti ricordi, per ora, della polenta. Ricordo quando la mangiavamo fredda accompagnata da formaggio di capra, d’inverno, in Ucraina, con mia nonna. Mia nonna non ci teneva alla nutrizione. Durante i tre anni con lei, d’inverno, ho patito la fame. D’estate me la cavavo con la frutta strappata dagli alberi. Però qualcosa sta cambiando nel mio rapporto con la polenta. Stai cambiando qualcosa la’ dentro. Dopo questi post con la polenta morbida nella ciotolina, io la sto vedendo già con occhi diversi.

    E quanto siamo simili per quanto riguarda il tofu? Io non ho mai un soldo. Quando vedo il tofu in offerta mi ci scaravento sopra manco fossi una morta di fame. Ne ho due panetti in frigo, che, come te, tengo da cucinare in futuro, magari per un’occasione più speciale. Ed è al naturale, perchè quello aromatizzato mi sembra un furto. Dai miei amici cinesi lo vendono il tofu e non costa neanche troppo, ma è il SILK tofu (seta, che c’entra?! si chiama così), quindi più morbido e non mi piace. Già non sa di niente, se me lo fai pure morbido, che mi si squaglia con il calore e non mantiene una certa consistenza, crei una barriera tra me e il tofu!
    Devo pensare ad una ricetta degna e che onori quei due pezzi di sostanza bianca, porella.

    • ci devo pensare anche io a qualche ricetta degna. assolutamente. è un dovere morale e anche una questione sentimentale. tofumonamour
      (io adoro il silken tofu partiamo da questa premessa. per cui non sono attendibile. per altro una cosa che non ho mai fatto ma invece sarebbe il caso è “strizzarlo”. siccome è morbido è un po’ difficile perché va tolto dalla scatola e avvolto in un po’ di carta assorbente e poi lasciato a scolare su un piano con sopra un peso. che non deve essere eccessivo sennò si sfrappa tutto il tofu.)
      quei prezzi sono da giramento di testa davvero.

      dici delle cose che mi verrebbe da chiedere. ma stai dicendo davvero? (come una stupida perché so che non stai scherzando solo che. fatico a non restare con gli occhi sgranati e la bocca semiaperta. con un vago. “ma chi, io?” che mi risuona in testa.)
      e vabbè ora non c’è freno che tenga. dilapiderò i pacchetti di farina di mais che mi rimangono in tempo da record. riverserò ricette improbabilissime. e se mi gira male le farò pure passare per ottime.
      (il bello della polenta è questa sua versatilità. non di accostamento come faccio io insomma. che tra un po’ la faccio dolce e ci infilo i datteri dentro. (oh, che idea. mi sa proprio che lo farò davvero.) siccome io seguo regole di cucina molto rigide: vado a occhio. ché poi con la polenta è giusto così. con una spolverata di farinagialla in più o in meno determini la fluidità o la compattezza. che se rigiro la coppetta mi viene fuori una collinetta di polenta da scavare col cucchiaino (un’altra ideaaaa! cosa stai combinando Apity *___* mi hai defibrillato i neuroni!) non posso continuare questa parentesi sulla polenta sto deragliando pericolosamente)
      per me è un ricordo. un bel ricordo. di quando ancora andavamo in vacanza in montagna e io ho sempre amato quella polenta trentina che restava soda e composta. e il formaggio fuso sopra. il tuo ricordo mi fa proprio vedere quello che è l’ inverno. non sai cos’è l’inverno se non senti freddo e non senti la fame di quando non c’è molto cibo. e il tuo ricordo è davvero complesso da possedere. ti ringrazio tanto di avermelo raccontato.

      (non riesco a smettere di sospirare che diamine.)

    • dimenticavo (ancora non sto zitta, è grave) adoro le tue pluralizzazioni. il titolo dell’ultimo post lo avevo letto come “Nutelle su Pani”. insomma non puoi fermarti nonono

  • Paciocchidifrancy ha detto:

    Sulla perfezione dell’abbinamento non discuto e, anzi, ci affonderei il cucchiaino (la panna. Devo comprare la panna di avena. E di soia. E.E.E ). Sul Quore non discuto. Che Quore sia ma. Ma cos’è L’alimento degli Gnomi?????????????????

  • Michele ha detto:

    bello (e suppongo buono)
    curiosamente mi fa pensare a un dolce, un muffin con qualche sorpresa dolce all’interno e glassa sopra 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Insisto. su Faul sein ist Wunderschön.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: