L’Autunno si affaccia vestito di rosso.

31 agosto 2012 § 11 commenti

L’odore dell’estate.

è bastato spaccare a metà un pomodoro e mi ha investito.

appena prima della tempesta, il mio saluto alla stagione che inizia a ritrarsi.

zuppa fredda di pomodori e rape rosse.

3 pomodori maturi, mezzo cetriolo (opzionale), 2 rape rosse piccole (già cotte), una cipolla gialla piccola, una testa d’aglio, olio, sale, curcuma, semi di papavero, cumino. ghiaccio.

tagliare a pezzetti i pomodori e eventualmente privarli dei semi (ho tolto solo le parti più in evidenza), tagliare il cetriolo e privarlo dei semi (in maniera accurata ovvero non come ho fatto io). frullatore a immersione power on. tagliuzzare la cipolla e l’aglio, privandolo dell’anima. frullare ancora. aggiungere sale e olio e girare. tagliare le rape e aggiungerle. frullare again. aggiungere mezzo cucchiaino di curcuma, un paio di generosi pizzichi di papavero e un paio di parsimoniosi pizzichi di cumino (la sottoscritta ha esagerato.). nel caso abbiate, come tutti i normali possessori di un freezer, cubetti di ghiaccio utilizzabili in tempi brevi aggiungeteli al composto e frullate prima di aggiungere curcuma semi di papavero e cumino. nel caso abbiate un freezer lento e disponiate di bicchierini di plastica da dover mettere a ghiacciare aggiungeteli ugualmente dopo il condimento, frullate, ed aggiungete nel caso altri semini di papavero. pure il cumino se si è stati discreti. incoppettare e servire.

friselle, cracker, crostini o anche pane duro saranno un buon accompagnamento.

un risultato stranamente piccante, addolcito dalla rapa. chissà come, mi è venuto in mente di aggiungerla. e mi sono ricordata di mia nonna, la madre di mia madre, che usava il succo di rapa per colorarsi le labbra. e un bastoncino di liquirizia inumidito per scurirsi le ciglia. perché mettere rossetto e il mascara era appannaggio delle passeggiatrici.

quiete prima della tempesta.

e dopo la pioggia ancora la quiete.

Annunci

Tag:, , , , , , , , , , , , ,

§ 11 risposte a L’Autunno si affaccia vestito di rosso.

  • Wish aka Max ha detto:

    E oggi è la giornata di niente è per caso.
    Stamattina ho fatto 8km di cammino, è stato l’attak per riparare il vaso brisé. Per 6, dico 6 volte di seguito, ho sentito “Have you ever seen the rain” dei Creedence Clearwater Revival, che ultimamente ascolto sempre in cuffia mentre cammino. Di seguito il testo. I peli sono ancora dritti.

    Someone told me long ago
    There’s a calm before the storm,
    I know
    It’s been comin for some time.

    When it’s over, so they say,
    It’ll rain a sunny day,
    I know
    Shinin down like water.

    I want to know, have you ever seen the rain
    I want to know, have you ever seen the rain
    Comin down on a sunny day

    Yesterday, and days before,
    Sun is cold and rain is hard,
    I know
    Been that way for all my time.

    ‘Til forever, on it goes
    Through the circle, fast and slow,
    I know
    It can’t stop, I wonder.

    I want to know, have you ever seen the rain
    I want to know, have you ever seen the rain
    Comin down on a sunny day

    Yeah!

  • pani ha detto:

    il pomodoro è un gran ortaggio. io ricordo con nostalgia quel piatto di fette di pomodoro che mangiai in una trattoria nelle periferia di parigi. E altri due pomodori a karlovac, prima della guerra slava.
    Cerco di replicare con i miei pomodori ma raramente l’effetto è uguale

    • me lo sogno il sapore dei pomodori di quando ero bambina. ed era già un sapore slavato. però quell’odore era proprio tanto che non lo sentivo.

      • Iaia ha detto:

        Il pomodoro.
        lo mangiavo sempre nella mia vita passata. Con la mozzarella. la maionese. e un chilo di pane.

        mi manca tantissimo

      • mi basta il pane secco bagnato nell’acqua e sopra i pomodori ridotti a pezzi. sale e olio. in effetti sono dei frutti ostici. molto ostici da digerire.
        ma non è per questo che sono così crudele nei loro confronti (mica lo so il perché.). quando li preparo mi ritrovo con le mani grondanti e i loro resti sparpagliati sul tagliere. più che affettarli li storpio. spesso li sbollento e li pelo vivi, poi gli sviscero via tutti i semi.

  • comearia ha detto:

    Mi hai fatto venire una voglia di pomodori che non ti dico. Di quelli che metti in bocca ed esplodono. Sì, proprio quelli. Quelli che non m’interessa dell’autunno, io sono l’estate. Che meraviglia.
    Questa zuppetta è strarossa, mi piace moltissimo. Poi adesso che arriva la pioggia il freddo mr autunno tutto gonfio di vento di zuppe ce ne saranno a chili. Yammi. [faccio strani versi, oggi]

    • per via di un’acquosità tipica dei pomodori che qui circolano, nonostante fossero belli maturi e rossi, quel composto aveva un colore aranciato. vero anche che nel gazpacho si aggiungono i peperoni. le rape colorano di sangue non c’è niente da fare. e quindi Yammi ci sta benissimo perché spezza la tensione.
      e poi non ci avevo pensato ma è proprio una ricetta a cavallo. non ho tanto nell’archivio ma per zuppe e vellutate sono davvero in fissa. e questa è una zuppa che preannuncia quelle future. però è fredda perché l’estate non ha ancora del tutto ceduto.
      l’aria che si respira è cambiata. mi piace rendermene conto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo L’Autunno si affaccia vestito di rosso. su Faul sein ist Wunderschön.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: