Visual Nonsense. nambertrii.

30 maggio 2012 § 21 commenti

Twelve this time.

nel frattempo il taccuino è bello che concluso. necessito another one. ones. meglio ones.

posso imputare quest’improvvisa sinteticità (inspiegabilmente frequente in questi ultimi giorni) al fatto che non ho ancora pranzato?

provvedo. -gurgle-

Annunci

Tag:, , , , , , ,

§ 21 risposte a Visual Nonsense. nambertrii.

  • pani ha detto:

    triste quel bogone.
    Secondo me c’è da analizzare a fondo la questione radici e ramificazioni. Sprigioni fantasia e voglia di volare e in the same time stai con i piedi per terra

    • on reflettes. ma comesedice? reflète. ehm.
      chissà da cosa è scaturito il tristo bogone. ero in un contesto che verrebbe da dire privo di stimoli. invece quei 12 sono stati fatti nel giro di un paio d’ore, uno dietro l’altro. avevo un capannello di bambini alle spalle a un certo punto.
      che cosa interessante.

  • pani ha detto:

    un capannello di bambini alle spalle? Che curiosi.

  • pani ha detto:

    anche perché non potrebbero accettare caramelle da delle sconosciute

  • pani ha detto:

    e il mal di testa?

    • estemporaneo. suppongo il caldo la sete l’attesa la fame la rotturadipalle. le competizioni in genere sono così, se poi non si gareggia diventa una tortura anche stare seduti (rannicchiati per terra tra due borsoni e la panca). ma senza queste condizioni non avrei disegnato.

  • pani ha detto:

    uh! And what kind of competition?
    La bambina con i palloncini è molto tenera mentre quella con il codice ISBN è flessuosa, nonostante gli arti amputati. E poi, quel 6 che significato ha?

    • allora allora. organizzo il cervello.
      una competizione di arti marziali, annuale. avrei dovutovoluto partecipare ma anche non, quindi sono semplicemente andata a vedere Oku and the others della palestra.
      non mi soddisfa moltissimo la bambina ma credo sia quella che abbia iniziato ad attirare bambini. seguita dalla seminudità successiva. il 6 è un numero di serie. mi diceva numero 6. numbersix

  • Wish aka Max ha detto:

    Kekazzè il bogone? Gugol mi dice che è una lumaca?

  • pani ha detto:

    il bogone è una lumaca opercolata. Ci sono pure le sagre dei bogoni dalle mie parti. A volte, sui monti trovi dei bogoni che sembrano capolavori di architettura. E poi ci sono affezionato. Le storie della Lumaca Pirata che raccontavo ai miei figli erano fantastiche.

  • pani ha detto:

    dici che esiste un personaggio della Lumaca Pirata o avventuriera? Ach… ed io che pensavo di essere originale. Comunque io non sono dedito a culti e i bogoni li ho assaggiati solo 4 volte nella mia vita. Forse ce ne sarà una quinta visto che sto consegnando i miei prigionieri alla vicina.

    • perlomeno in questo bucodipaese affinché un evento abbia presa dev’essere necessariamente assunto come culto&tradizione dagli indigeni del luogo. non è facile che avere a che fare con qualcosa di “diverso”.
      specie nei confronti del cibo, provo tutto almeno una volta. al massimo ho assaggiato lumachine di mare uhm

    • (la Lumaca deve essere una sorta di archetipo fiabesco. con la mia famiglia eravamo andati a Camaldoli con famiglieamiche e il fratello di una figliamicacoetanea ci aveva raccontato la storia interminabile di una Lumaca che perdeva il guscio ed era priva di protezione e vagava alla ricerca di una nuova casa. incongruenze biologiche a parte, era una delle storie più avvincenti che avessi mai ascoltato)

  • pani ha detto:

    la mia lumaca invece, aveva una cicatrice obliqua, era grossa e siccome aveva salvato la vita al contadino, questi gli aveva riservata tutta una parte di orto. E da quell’episodio sono nate migliaia di storie (le battaglie con i ricci, le ubriacature con la birra, i dispetti al gatto…)
    Da piccolo, a camaldoli affondai il piede in una boassa (sterco di vacca)
    Da grande invece, schivai per un pelo una cinghiale e il cinghialetto mentre passavo in auto.

    • straordinario. se esistesse un libro narrante queste storie ne prenderei almeno 3 copie.
      dei cinghiali ho visto solo orme. mi è capitato di vedere cerva e cerbiatto in lontananza, anche se mi è sembrata comunque una distanza assurda per animali così cauti.
      boassa. thanks to my mother questo termine non mi sfugge.
      mi sa che mi ci sono spaccata la bocca a camaldoli..saltellando nella piazzetta. denti intatti, solo labbra un po’ spaccate

  • pani ha detto:

    ci sono radici ma anche tante rotondità nei tuoi disegni. In fondo, il bogone potrebbe essere il tuo nume 🙂
    Bene, batterie del portatile kaputt, it’s time to read.
    bonne nuit

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Visual Nonsense. nambertrii. su Faul sein ist Wunderschön.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: