Pollo! e sesamo! tanto sesamo! e mi piace il pepe rosa (è rosssooo!!!) -calo di zuccheri-

25 marzo 2012 § 17 commenti

Ebbene,

presenta la ricetta appena poche ore prima del gong!

la ricetta di marzo per il contest di Cuocopersonale. c’è il widget nella home. clicchi ->leggi ->sai di cosa sto parlando

(e sta diventando sempre più difficile trovare una formula introduttiva che non tedi con la sua monotonia.)

Posso dirlo. devo dirlo. In a nutshell (!!! Max, che soddisfazione!) : pollo alla salsa di soia e sesamo con tarassaco fresco & caprese (c’est chic) di funghi cotti nella salsa di prima insieme ad altro tarassaco. e pepe rosa. e fiore.

è davvero improponibile un piatto con tale nome..

cominciamo a premettere, che è la parte più disastrosa  -mente lunga e contorta0: la premessa.

per portare a termine questa ricetta le ho praticamente dedicato la giornata. ho preso l’autobus ad un’orario decentemente mattutino ed ho camminato molto (perché non ero proprio sicura sicura di dove si trovassero le cose di cui avevo bisogno). e devo sottolineare insistentemente quanto mi piace andare nelle piccole fruttivendolerie (…) a scegliermi i funghi uno alla volta. e insomma  annusare tutto. e ritrovarsi nella conversazione tra la signora in fila prima di te e la proprietaria che si confrontano sugli acciacchi che è normale averceli a ‘st’età ed è meglio averli che morire giovani, è vero signorì?

la cosa che mi preoccupa invece è il petto di pollo. saranno state le luci ma ho faticato non poco a trovare qualche fetta che non fosse livida. che già il pollo ha un odore che non mi piace per niente. in più sembrava virare ad una tonalità quasi impercettibile di verde.

ci sarebbe da fare un discorso a parte sulla difficoltà di trovare le spezie, anche quelle di uso più comune (i think) quali sesamo e pepe rosa. che poi per festeggiare, mentre aspettavo l’autobus in compagnia dei discreti rantoli from my stomach, ho deciso di consolidare il mio rapporto di dipendenza verso il sesamo sparandomene una manciata e testare le peculiarità del pepe rosa. sono rimasta interdetta per via del sapore dolce che non mi aspettavo affatto. e pure lì ci sono andata pesante chicco dopo chicco. fra l’altro a quanto pare il pepe rosa mi piace molto. cioè da bambina, stando a ciò che dice mia madre, ho dato un esauriente prova del mio gradire questo pepe. che uffa è rosso, non è rosa…

in ogni caso il capitolo cardine è. IL TARASSACO. e mi si attorcigliano i nervi dal fastidio. questa è una pianta spontanea che cresce con una forza e una determinazione  semplicemente naturale, anche tra le crepe dei marciapiedi, ai bordi delle scale, nei vasi dove spengono cicche di sigarette. e nei minimi spazi erbosi che ormai più che terra sono ***** di cane. e più volte ho dovuto convincermi a evitare di cogliere quelle foglie e quei fiori così rigogliosi perché insomma. farà anche bene alla loro di salute crescere nella mer** ma ho qualche timore su quanto possa avere benefici su di me. ancora di più per quanto riguarda  marciapiedi calpestati e sputati innumerevoli volte. alla fine sono riuscita a trovare un’aiuola “incontaminata” poiché in pendenza, per cui né cani né esseri umani l’avrebbero trovata una postazione molto comoda. ovviamente è impensabile trovare un qualsiasi posto lontano dalla strada e dalle auto. ci si accontenta.

…somma contrariazione.

vediamo se riesco a scrivere la ricetta prima che scada il termine per il contest và:

la cosa fantastica (oppure no) di questa ricetta è che non servono particolari . fettine di petto di pollo, salsa di soia, aceto di riso, sesamo, tarassaco, funghi champignon, pepe rosa (rosso, è rossooo!!!). indicativamente per 1 fettina utilizzare 2 funghetti.

procedimento: tagliare le fettina a metà e metterle a marinare in abbondante salsa di soia con un cucchiaio di aceto di riso per almeno 10 minuti da ogni lato. far sgocciolare un pò le fettine e rotolarle allegramente in un piattino che sarà stato in precedenza riempito di sesamo e gettare in padella unta il minimo indisensabile (non è la tecnica che ho usato. ho tostato prima il sesamoin padella e poi ho aggiunto il pollo ma si appiccica male e si rischia di bruciacchiare troppo il sesamo). cuocere a fuoco medio girando spesso dopo che il sesamo si sarà abbrustolito finché la fettina risulterà abastanza soda. non deve cedere con sfiduciato abbandono alle rorchettate insomma (non riesco ad esprimermi in maniera ortodossa oggi. pardon.) in un’altra padellina cuocere il fungo o più funghi di accompagname -nto tagliati a fettine (una parte l’ho lasciata cruda perché soffro di dipendenza ossessiva nei confronti dei funghi gommocrudi. hanno una consistenza cui non posso rinunciare.). aggiungere ai funghi la salsa di marinatura del pollo e far cuocere finché non raggiungono la consistenza desiderata. all’ultimo momento aggiungere il tarassaco. le fettine di pollo le ho tagliate in piccole listarelle con un pepe sopra una si una no (dà una inaspettata soddisfazione trovarsi sul piatto carne già porzionata in bocconi evviva la pigrizia) le ho “adagiuuaaate su di un letto di crudité di tarassaco” -tenta di darsi un tono-  . i funghi sono alternati uno crudo uno cotto con l’aggiunta del tarassaco cui si può aggiungere il pepe rosa. e terminare con il fiore. che si può mangiare che è buono.

adesso sveliamo qualche altro retroscena prima di dileguarmi (stavolta ho tardato vergognosamente!!!!)

dall’alto della mialungimiranza, prima di iniziare il giro di ricognizione onde poter cuisinerrrr, non ho controllato di quanta salsa di soia disponeva il mio tristefrigo. per cui al mio ritorno, nel momento di procedere alla marinatura, ho dovuto sottostare all’ineluttabile realtà: quella parva salsa di soia non sarebbe bastata per tutto il pollo. per cui, soccombendo alla mia distrazione, ho tagliuzzato le fettine di pollo, ho aggiunto i funghi, un cucchiaio di aceto di riso, un cucchiaino di zucchero di canna, un pò d’acqua e una sprovveduta alga wakame che passava lì per caso. pioggia di pepe rosa (che è rosssoooo!!!!! ..sto impazzendo) il tutto saltellato qui e lì, dentro e fuori la padella, and served.

tutto questo per dire che. ho pastugnato troppo mentre dovrei diventare più seria e professionale -chuckle- .

detto ciò, mi scapicollo per inviare sta ricetta eppoi cerco di dami una mossa che vorrei postare un pò d’altre cose, puuufff.

non posso correggere nulla!!!!

Annunci

Tag:, , , , , , ,

§ 17 risposte a Pollo! e sesamo! tanto sesamo! e mi piace il pepe rosa (è rosssooo!!!) -calo di zuccheri-

  • […] “Pollo, sesamo e pepe rosa” di Ombretta del blog “Kuroko recipe”.  Potrebbe interessarti anche: […]

  • La cucina di Elena ha detto:

    Ombretta, mi sa che vengo a cena da te!

  • Wish aka Max ha detto:

    Poi se qualcuno mi spiega kekazzè il tarasacco…
    La ricetta è molto interessante, è il titolo che mi pare un po’ troppo sintetico… *si allontana ghignando* 😉

    • XD il tarassaco ehmmm è quel fiore/pianta chiamato dente di leone. qui e lì ho letto che viene anche chiamato popolarmente piscialetto o qualcosa del genere per via delle sue proprietà diuretiche..praticamente è l’evoluzione del soffione…cresce pure nelle aiuole più luride, praticamente si vede un po’ dappertutto : )

      se capisce?
      ehmehm, sono davvero sintetica io u_u

      • e non sono affatto ripetitiva. praticamente.

      • Wish aka Max ha detto:

        Ricordo un collega americnano tanti anni fa, che per autodefinirsi ripetitivo diceva “I work for the Department of Redundancy Department” 😀

      • Redundancy Departement!!!!! è semplicemente geniale!!! XD

      • Wish aka Max ha detto:

        Grazie per la esplicatio… È che sono un ragazzo semplice, per me le spezie sono quelle della tradizione familiare, origano, salvia, timo, maggiorana, mentuccia…. ‘sto tarassaco non l’ho mai sentito in vita mia! 🙂
        Per la sinteticità mi sono benevolmente preso giuoco di vossia, visto il riferimento a inizio post… E poi fa sempre piacere vedere che quando il Signore ha distribuito il dno della sintesi non ero il solo ad essere andato per funghi 😉
        Invece, seriamente parlando, un complimento te lo devo, ed è nella presentazione. Hai un modo di impiattare che mi piace molto. Ora questo vale quel che vale, non essendo io qualificato in alcun modo a dare qualsivoglia giudizio culinar-estetico… e però volevo dirtelo da un po’ e soo contento di averlo fatto ora. As an aside note, sono andato sulla pagina del contest e ho visto che c’è gente veramente accanita… Una tipa ha presentato una mezza dozzina di ricette se non di più…

      • anche io ignoravo che quel fiore giallo (cresce pure nel mio giardino ogni primavera praticamente) fosse chiamato tarassaco e soprattutto che fosse commestibile. è molto molto amaro, non centra o c’entra un cavolo con la rughetta però me la ricorda..
        effettivamente tra le mie doti non è presente neanche una decente concentrazione per cui è probabile che mentre veniva distribuita la sinteticità io mi sono semplicemente voltata per correre dietro agli scoiattoli..oppure sono andata in modalità standby per la troppa attesa (?)
        il complimento mi fa davvero molto piacere perché vorrei cucinare per gli altri in modo più “esteso”. per cui qualunque osservazione relativa [potrebbe pure essere datte all’ittica (ippica ho già dato)] è più che ben accolta. potrebbe pure capitare, se riesco a fare ciò che vorrei fare, che un critico mi giudicherà. però boh. mi interessa collateralmente.
        effettivamente non lo so proprio come fanno. sono arrivata sul filo del rasoio solamente per una ricetta! mi piace prendermi tuuuutto il tempo, pure quello che non serve. presentare ennemila ricette ti impone una certa velocità. non posso mica andare ogni due giorni in gita per dedicarmi solo alla ricerca degli ingredienti perfetti..anche se non mi dispiacerebbe proprio..

  • Bibi ha detto:

    sto cretino di tarassaco è un erbetta spontanea, cresce ovunque, come l’erbamala ma fa benissimo, è un emuntore purifica reni fegato e pelle.
    e cresce ovunque
    ovunque fuochè nel mio giardino cazzu cazzu

    il piatto è splendido e secondo me il nome degno di chef settantacinque stelle mishlen (si scrive così)

    • hhhhhhhhhhhhhhhhh -trattiene il fiato-
      che complimento gigantesco! sono molto imbarazzata grazie : )
      ora che abbiamo potato gli alberi il mio giardino è totalmente terroso per cui forse niente tarassaco..magari sono reperibili dei semi? o si possono trapiantare direttamente? uhmmmmmm

      • Bibi ha detto:

        non li trovo i semi per poterlo piantare.
        è che farebbe bene anche alle tartarughe che ho ma…niente

  • […] “Pollo, sesamo e pepe rosa” di Ombretta del blog “Kuroko recipe” (Ottima ricetta anche questo mese… davvero); […]

  • Cey Chan (@Cey) ha detto:

    Fa fame =) mi piacciono le ricette che fanno fame =)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Pollo! e sesamo! tanto sesamo! e mi piace il pepe rosa (è rosssooo!!!) -calo di zuccheri- su Faul sein ist Wunderschön.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: