Agrodolce

29 marzo 2012 § 2 commenti

Klim aveva deciso di andarsene.

Senza voltarsi indietro, senza versare nemmeno un granello di zucchero. Si era semplicemente lasciato scivolare giù. A nulla erano valsi i richiami flebili e disperati di Molinky. A nulla erano valsi tentativi delle sue piccole e lievi mani di trattenerlo con sé. Molinky sapeva di aver indugiato troppo a lungo nel vago sogno della vita felice e completa che avrebbe potuto condurre con Klim nella teiera. La loro teiera, la teiera che avevano scelto e che con le loro mani avevano riassestato, la teiera su cui avevano riversato tempo e cura secondo uno scopo comune, fino a renderla propria ed unica. Molti detti esaltavano la centralità della teiera come fondamento sul quale costruire la propria indipendenza di individuo all’interno del Nucleo di appartenenza. La scelta della propria teiera ed il lavoro attento su di essa per renderla degna e personale era considerato un vero e proprio rituale, una fase fondamentale nel compimento del passaggio dall’infanzia all’età adulta. Molinky aveva trascritto uno di questi detti su una piccola scheggia di piastrella smaltata, trovata l’inverno precedente durante l’escursione su stanza delle ore 03:17. Il suo corsivo delicato e sottile lasciava un adeguato spazio agli angoli, appena sufficiente per delle piccole decorazioni, curate al dettaglio, fin nella loro voluta asimmetria. Il blu delle minute lettere risaltava sul bianco lucido, recitando: “Vivi finché c’è vita, ma mai sarai felice come dentro una teiera”. « Leggi il seguito di questo articolo »

Pollo! e sesamo! tanto sesamo! e mi piace il pepe rosa (è rosssooo!!!) -calo di zuccheri-

25 marzo 2012 § 17 commenti

Ebbene,

presenta la ricetta appena poche ore prima del gong!

la ricetta di marzo per il contest di Cuocopersonale. c’è il widget nella home. clicchi ->leggi ->sai di cosa sto parlando

(e sta diventando sempre più difficile trovare una formula introduttiva che non tedi con la sua monotonia.)

Posso dirlo. devo dirlo. In a nutshell (!!! Max, che soddisfazione!) : pollo alla salsa di soia e sesamo con tarassaco fresco & caprese (c’est chic) di funghi cotti nella salsa di prima insieme ad altro tarassaco. e pepe rosa. e fiore.

è davvero improponibile un piatto con tale nome.. « Leggi il seguito di questo articolo »

Minibento. Uan & Chu. plus Emitofù.

17 marzo 2012 § 6 commenti

Well.

post che non doveva essere scritto.

(dovrei andare a controllare quanti post ho iniziato con well. si presta bene, indeed.)

Sowieso. (questa parola è eccezionale. e mi rompo a scrivere sempre anyway. che oltretutto è una di quelle parole cui aggiungo indiscriminatamente i, y, s dove non servono e ogni volta devo controllare se ho scritto correttamente. -somma pigrizia-)

Mi ero riproposta di quantoprima infilare a forza una ricetta sul semplice riso bianco. giapanis stail, appiccicoso ma non molicciacquoso.

e come potrei parlare di riso bianco  senza menzionare gli onigiri? impossibile, impossibile.

quindi ecco. « Leggi il seguito di questo articolo »

Flashpost mit intervisten.

11 marzo 2012 § 8 commenti

-Respira profondamente- .

Calma e sangue freddo.

dell’ansia e della paura immotivate che mi rendono difficile anche rispondere ad un commento diciamo che la pagina über michnon è proprio il massimo della chiarezza. ecco questa intervista può aggiungere nuovi spunti su cui contorcersi, domandandosi “macchevordìììììììììììììììììì??????????????????????”.davvero irrinunciabile, isn’t it?della serie ” : ) ” pian piano riesco a fare un bel grumo bruciabile al più presto. certo nella vita ” reale” non è così semplice. ma piano piano miglioro. questo per dire che il link ivi postato talk about una intervista, fatta ammmmme proprio, da Cuocopersonale [che ha organizzato e continua ad « Leggi il seguito di questo articolo »

Scarabocchi namberuan and nonsense.

8 marzo 2012 § Lascia un commento

Oggi ho visto due cose strane                                                                           -disse dopo aver traccheggiato per più di 4 ore invece di decidersi a scrivere- .

La prima me l’ha fatta notare Oku, alla fermata della autobus. Placidamente poggiati nella ghiaia, vicino alla panchina di pietra, stavano due bottiglie di latte intero inondate dalla tiepida luce del tramonto. scadenza: 11-03-2012.

La seconda l’ho vista tornando a casa, in macchina con mia madre (dopo aver vagato per quasi un’ora ma questa è un’altra storia). Su un muretto, vicino alla strada, stava sdraiata, non so voi come la chiamate, una tavolettadelcesso (la parte mobile del water, composta a sua volta da coperchio e poggia*ulo, insomma). ben aperta, come fosse una bocca spalancata.

Fine del nonsense quotidiano.

umpf. sono stanca ma non ho sonno. « Leggi il seguito di questo articolo »

Haiku experiment. One.

5 marzo 2012 § 19 commenti

« Leggi il seguito di questo articolo »

Alto tasso di glicemia. e divagazioni. part two.

2 marzo 2012 § 2 commenti

Scrivere a quest’ora del giorno è impegnativo.

devo prendermi la responsabilità di ciò che scrivo, non posso dare la colpa al sonno ed avendo mangiato da poco non posso neanche indicare la fame come causa delle futilità che pubblico. ehm ehm.

in effetti devo precisare ed estendere il post precedente e non avendo molta voglia di rimetterci le mani ne scrivo uno nuovo. causa arteriosclerosi galoppante ho dimenticato una parte importante ma scrivere un sequel mi piace di più  lo ammetto. non è che so proprio che dannazione sto scrivendo.

comunque nell’altro post c’era la torta no? quella tutta rosacauori&zucchero.

« Leggi il seguito di questo articolo »

Dove sono?

Stai visualizzando gli archivi per marzo, 2012 su Faul sein ist Wunderschön.